Nathalie Mentha, attrice del TEATRO POTLACH, collabora per il quinto anno al percorso teatrale SENTIERI CONNESSI.

 

Così Claudia e Rosanna, ideatrici del percorso, descrivono “Sentieri Connessi”:

“Il nostro è un percorso di ricerca, attraverso il teatro, della nostra natura autentica e profonda. Lungo questo cammino cerchiamo di sciogliere le maschere e gli stereotipi, scoprendo e liberando i linguaggi espressivi del corpo e della voce. Il teatro è per noi uno strumento di espansione della consapevolezza del nostro essere al mondo e nel mondo, in intima connessione con le molte possibilità di relazione e di espressione.”

 

A CHI SI RIVOLGE: A tutte le persone che vogliono scoprire o risvegliare le strade che portano al teatro, inserendosi all’interno di un percorso già avviato, ma aperto e desideroso di accogliere nuove energie.

 

Cosa significa partecipare a SENTIERI CONNESSI?:

* Scoprire le possibilità della propria voce: attraverso un lavoro con testi, poesie e canzoni

* Coltivare una presenza: con un riscaldamento fisico e un lavoro sui principi di presenza scenica dell'attore, dove il partecipante potrà individuare come creare una presenza e sentirsi a proprio agio in una situazione di rappresentazione

* Relazionarsi con sé stessi e con gli altri: mediante esercizi di attenzione e dialogo in un lavoro individuale e di gruppo allo stesso tempo

*Liberare la propria fantasia: tramite la creazione di scene teatrali e la partecipazione alla stesura di una drammaturgia nuova e unica

 

QUANDO: 2 martedì al mese, incontri di 2 ore ciascuno dalle ore 19:30 alle ore 21:30  (potrebbero diventare 4 incontri con frequenza settimanale a seconda della numerosità del gruppo che si formerà)

 

DOVE: Presso la sede di ATMOS Arti Terapeutiche, via Giovanni Ansaldo, 6, Roma (quartiere Garbatella)

 

CONTATTI: Nathalie Mentha, tel:3929240738, mail: nathaliementha@gmail.com

 

PRENOTA LA TUA LEZIONE DI PROVA GRATUITA

PER MARTEDÌ 18 SETTEMBRE 2018

alla mail: nathaliementha@gmail.com

con una breve lettera di motivazione